Le attività del Centro EOS si concretizzano intorno a diversi poli:

POLO DI PREVENZIONE PRIMARIA:

Concerne tutte quelle attività che si devono svolgere prima dell’avvenimento traumatico e che si prefiggono come obiettivo la corretta gestione dell’emergenza e la riduzione della percentuale di incidenza delle reazioni acute da stress e delle sindromi psicotraumatiche.

Comprende:

  • Formazione e aggiornamento di tutte le categorie di soccorritori e di personale curante che si confronta con i traumatismi psichici.
    L’attività di formazione si basa su workshop periodici, corsi di aggiornamento, organizzazione di congressi e master. Vengono effettuati inoltre corsi di formazione e successive supervisioni a istituzioni esposte ad un elevato rischio di incidenti traumatici, e ad organismi che gestiscono situazioni critiche come Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia Stradale, Organismi di vigilanza privata, Strutture Sanitarie, medici specialisti, medici di base, industrie ad alto rischio di incidenti traumatici, Uffici Postali, banche etc.
  • Ricerca scientifica
    Esecuzione di ricerche sul campo e bibliografiche effettuate anche in collaborazione con i partner esteri.
  • Sede di stage e tirocinio.
    Il Centro EOS accoglie operatori sociali, studenti, medici, psicologi, psichiatri per stages al fine di approfondire le modalità di gestione e di trattamento delle reazioni acute da stress e delle sindromi psicotraumatiche.

Il Centro EOS accoglie operatori sociali, studenti, medici, psicologi, psichiatri per stages al fine di approfondire le modalità di gestione e di trattamento delle reazioni acute da stress e delle sindromi psicotraumatiche.

E’ disponibile un Critical Incident Team in grado di intervenire in tempo reale sul luogo del sinistro per la presa in carico delle vittime e l’organizzazione dei sistemi di prevenzione secondaria.

POLO DI PREVENZIONE SECONDARIA:

Riguarda tutte le attività indirizzate alle vittime di traumi, realizzate subito dopo che si sia verificato l’evento traumatico, e prima che si sia instaurata una sindrome psicotraumatica.

Coordinamento degli interventi ed attuazione degli stessi in seguito ad un “critical incident” (un “incidente unico inatteso che mette a repentaglio la salute di uno o più soggetti”) sia di piccole, che di grandi dimensioni (catastrofi); è disponibile inoltre un Critical Incident Intervent Team (C.I.I.T.) in grado di intervenire in tempo reale sul luogo del sinistro per la presa in carico delle vittime e l’organizzazione dei sistemi di prevenzione secondaria. Occorre precisare che vittime sono anche i colleghi di lavoro di chi rimane coinvolto in un incidente, così come gli amici stretti ed i parenti.

POLO TERAPEUTICO:

Presa in carico e trattamento dei sintomi e delle sequele psicotraumatiche.

  • Per tutti coloro che non sono stati raggiunti dalla prevenzione secondaria o che comunque abbiano sviluppato nel corso del tempo un elevato grado di sofferenza psichica dovuta all’avvenimento subito, è prevista l’individuazione di specialisti in possesso di adeguate conoscenze in grado di prendere in cura con colloqui psichiatrici, psicologici, psicoterapie e psicofarmacoterapie i soggetti che dovessero farne richiesta.
  • Assistenza medico-legale alle vittime.
    Il Centro EOS si avvale della consulenza di un giurista per l’inquadramento giuridico delle problematiche correlate ai traumi psichici, e per una consulenza legale alle vittime in caso di necessità. Prevede inoltre la consulenza di un medico legale per l’individuazione delle responsabilità, degli obblighi di legge e delle linee guida di riferimento nell’opera dei servizi di prevenzione e di terapia e per la messa a disposizione della consulenza medico legale alle vittime che dovessero averne necessità.
  • Il Centro collabora con specialisti psichiatri e psicologi al fine di offrire un presa in carico ambulatoriale a soggetti affetti da disturbi d’ansia, dell’umore e disturbi del comportamento alimentare. Come segnalato dalla letteratura in materia tali disturbi possono infatti essere conseguenza di traumatismo psichico.
Share →